guida alle valvole valida (?)

Forum dedicato ad effetti, amplificatori, accessori per gli strumenti musicali
Avatar utente
TidalRace
Team Liutai
Team Liutai
Messaggi: 438
Iscritto il: 26/09/2012, 13:18
Località: Ancona

Re: guida alle valvole valida (?)

  • Cita
  • Proponi su OK Notizie

Messaggioda TidalRace » 13/12/2014, 20:36

Io credo fermamente che in Italia abbiamo bravi tecnici capaci di costruire ottimi strumenti, anche se dobbiamo distinguere chi fa ricerca e sviluppo e chi invece ripropone i grandi classici con poche o nessuna modifica. Il problema italiano sono le minuscole dimensioni di queste aziende, spesso introvabili in Italia e magari a parte qualche raro caso sconosciute all'estero. Non conosco l'azienda nominata da Simone anche se no ho sentito parlare su un altro sito, però sono sicuro che anche questi saranno costruiti bene come tante altri prodotti italiani, con specifiche superiori a tanti marchi con più nome perché altamente reclamizzati.
Sui commenti espressi da Andy, l'autore dell'articolo dichiara che sono le sue esperienze sempre opinabili, ma in questo settore il meglio e il peggio non esistono, ma esistono varie strade per arrivare a certi risultati. Come risultato intendo il suono che si ha in mente, ad esempio, questo ci fa preferire uno strumento dotato di humbucker anziché single-coil o viceversa. Trovo che invece la robustezza meccanica, una PCB da 2 mm di vetronite con piste di rame da 70um di spessore invece di una PCB standard da 1.5 mm con piste da 35um sia indubbiamente meglio. In Italia c'è chi usa, o almeno lo dichiara, di usare il primo tipo anziché il secondo e questo ne aumenta considerevolmente il costo proprio perché non standard.

Avatar utente
andyfender
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4935
Iscritto il: 18/09/2011, 9:37

Re: guida alle valvole valida (?)

  • Cita

Messaggioda andyfender » 13/12/2014, 20:51

Hai perfettamente ragione TidalRace!! Il suono è fatto da infinite sfumature,oltre che da caratteristiche basilari,per cui tutto può piacere o non piacere. Una cosa è certa: l'ampli che mi hai costruito tu è un GIOIELLO!!! Ciao. A.

Avatar utente
simoneb
Icona del Rock
Icona del Rock
Messaggi: 2406
Iscritto il: 23/09/2011, 12:40

Re: guida alle valvole valida (?)

  • Cita

Messaggioda simoneb » 13/12/2014, 21:15

concordo in tutto,Tidal :clapping: :clapping: :clapping: :clapping: :clapping:

figurati che,per esempio,l'azienda che produce l'ampli di cui sono andato a sentire la dimostrazione per vendere fa anche un servizio di rateizzazione "sulla fiducia",senza finanziarie di mezzo...addirittura ti manda l'ampli in prova per una settimana per decidere se acquistarlo....questo per dire che se,per vendere,adottano questa strategia commerciale probabilmente il mercato non ha spazi sufficenti per prodotti di questo tipo....o magari la difficoltà sta anche nel far incontrare domanda di strumentazione di buon livello ed offerta.....e non oso immaginare quante siano le difficoltà nel far quadrare i conti per chi,come te,lavora in un settore come quello della produzione e manutenzione di strumenti ed attrezzature che,alla fine,sono beni in un certo senso "di lusso" :sweating:

Avatar utente
texx
Contributor
Contributor
Messaggi: 574
Iscritto il: 21/05/2012, 16:47
Località: Zianigo

Re: guida alle valvole valida (?)

  • Cita

Messaggioda texx » 14/12/2014, 18:12

TidalRace ha scritto:.....una PCB da 2 mm di vetronite con piste di rame da 70um di spessore invece di una PCB standard da 1.5 mm con piste da 35um sia indubbiamente meglio. In Italia c'è chi usa, o almeno lo dichiara, di usare il primo tipo anziché il secondo e questo ne aumenta considerevolmente il costo proprio perché non standard.
...da profano,che sarà di differenza di prezzo da 1,5 mm a 2 mm ? 10,20 euri?

Avatar utente
TidalRace
Team Liutai
Team Liutai
Messaggi: 438
Iscritto il: 26/09/2012, 13:18
Località: Ancona

Re: guida alle valvole valida (?)

  • Cita

Messaggioda TidalRace » 14/12/2014, 19:34

texx ha scritto:
TidalRace ha scritto:.....una PCB da 2 mm di vetronite con piste di rame da 70um di spessore invece di una PCB standard da 1.5 mm con piste da 35um sia indubbiamente meglio. In Italia c'è chi usa, o almeno lo dichiara, di usare il primo tipo anziché il secondo e questo ne aumenta considerevolmente il costo proprio perché non standard.
...da profano,che sarà di differenza di prezzo da 1,5 mm a 2 mm ? 10,20 euri?


No, non guardare da questo punto di vista il costo di una singola unità, ma considera che delle schede (10 unità) che mi sono fatto fare io costavano quasi il doppio del tipo semplice, proprio perché non standard, il motivo fu quello di programmare un macchinario per una lavorazione normalmente non usata. Considera che era la scheda per un amplificatore a stato solido da 70 watt, lunga sui 30 cm e larga 10 cm, quindi uno spessore maggiore contribuiva a una maggiore rigidità dell'insieme.

Avatar utente
TidalRace
Team Liutai
Team Liutai
Messaggi: 438
Iscritto il: 26/09/2012, 13:18
Località: Ancona

Re: guida alle valvole valida (?)

  • Cita

Messaggioda TidalRace » 14/12/2014, 19:46

simoneb ha scritto:concordo in tutto,Tidal :clapping: :clapping: :clapping: :clapping: :clapping:

figurati che,per esempio,l'azienda che produce l'ampli di cui sono andato a sentire la dimostrazione per vendere fa anche un servizio di rateizzazione "sulla fiducia",senza finanziarie di mezzo...addirittura ti manda l'ampli in prova per una settimana per decidere se acquistarlo....questo per dire che se,per vendere,adottano questa strategia commerciale probabilmente il mercato non ha spazi sufficenti per prodotti di questo tipo....o magari la difficoltà sta anche nel far incontrare domanda di strumentazione di buon livello ed offerta.....e non oso immaginare quante siano le difficoltà nel far quadrare i conti per chi,come te,lavora in un settore come quello della produzione e manutenzione di strumenti ed attrezzature che,alla fine,sono beni in un certo senso "di lusso" :sweating:


Il problema sai qual'è? Che anche se una cosa piace un chitarrista pensa subito alla difficoltà della rivendibilità. Questo fa si che i marchi con più nome costruiscano anche modelli poco robusti, poco affidabili o performanti che alla fine venderanno ugualmente solo per il marchio. La tecnica utilizzata dal marchio da te citato è al limite del suicidio, però potrebbe anche dare i suoi frutti a lungo termine. Le difficoltà che ho incontrato io sono proprio basate sulle poche possibilità che si hanno sia di farsi conoscere, sia di svalutazione economica e sia di coinvolgimento di soci e finanziatori, addirittura mi era stato consigliato di tenere i prezzi più bassi di chi produce in serie, magari in Oriente, ma quale artigiano deve combattere la concorrenza dell'industria asiatica? Non hai idea di quali siano i costi per produrre artigianalmente un amplificatore che nell'immediato rimane una sola realizzazione.

Avatar utente
texx
Contributor
Contributor
Messaggi: 574
Iscritto il: 21/05/2012, 16:47
Località: Zianigo

Re: guida alle valvole valida (?)

  • Cita

Messaggioda texx » 15/12/2014, 13:39

TidalRace ha scritto:
simoneb ha scritto:...

Il problema sai qual'è? Che anche se una cosa piace un chitarrista pensa subito alla difficoltà della rivendibilità.
,,,...ahi,qui tocchi un tasto dolente.Avevo comperato un "clone del Klon",da un noto guru degli amps di Padova,speso quasi 200 euri.Non lo uso....e chi me lo compra?mai più,o sai che te lo terrai forever ,oppure rinunciare,è cosi purtroppo,se non c'è mercato non è colpa mia...

Avatar utente
andyfender
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4935
Iscritto il: 18/09/2011, 9:37

Re: guida alle valvole valida (?)

  • Cita

Messaggioda andyfender » 15/12/2014, 16:00

texx ha scritto:
TidalRace ha scritto:
simoneb ha scritto:...

Il problema sai qual'è? Che anche se una cosa piace un chitarrista pensa subito alla difficoltà della rivendibilità.
,,,...ahi,qui tocchi un tasto dolente.Avevo comperato un "clone del Klon",da un noto guru degli amps di Padova,speso quasi 200 euri.Non lo uso....e chi me lo compra?mai più,o sai che te lo terrai forever ,oppure rinunciare,è cosi purtroppo,se non c'è mercato non è colpa mia...


Ciao texx,è un piacere leggerti nei tuoi interventi.
Hai colpito nel segno con la "rivendibilità" a mio parere. Sono perfettamente d'accordo con te. E' il motivo per cui, non solo negli ampli o pedali,ma anche nelle chitarre, si preferisce acquistare oggetti con un nome ben conosciuto. Se si fosse in una situazione economica diversa,parlando di tasse,tassette,tassone,lavori incerti (quando ci sono)ed altre amenità, le cose potrebbero essere differenti,ma con l'attenzione e indecisione con cui si fanno acquisti oggi,bisogna pensarci mille volte prima di fare una spesa che non sia "a fondo perduto".
Giustamente si pensa a non gettare il denaro,ma magari ad investirlo in cose che non perdono valore e di facile rivendibilità. Mi sembra sensato ed umano,anche se va a discapito di produttori che meriterebbero la nostra attenzione. Ma chi ci può criticare? Li trovassimo per terra i soldini....
Dunque non possiamo dire che è solo colpa nostra. Tanti anni fa, mi hanno raccontato che in Giappone, in un periodo in cui tutto andava male, il governo ha obbligato i datori di lavoro ad aumentare gli stipendi ai lavoratori!!
I risultati di questa manovra geniale sono stati quasi immediati e senz'altro positivi,tanto che possiamo vedere cosa è diventato il Giappone: gli acquisti hanno preso il volo, con conseguente vantaggio di tutti i produttori e dell'economia in generale. Chi ha dovuto a pagare per primo,si è ampiamente rifatto.
Lo facessero anche in Italia: sono certo che ci si penserebbe di meno e con minor patema d'animo ad acquistare qualcosa costruito da Pinco Pallino e,ritengo, i consumi aumenterebbero di gran lunga in tutti i settori dando profitti a tutti.
In Italia quello che aumentano sono solo le tasse!!! Ciao e grazie. A

Avatar utente
simoneb
Icona del Rock
Icona del Rock
Messaggi: 2406
Iscritto il: 23/09/2011, 12:40

Re: guida alle valvole valida (?)

  • Cita

Messaggioda simoneb » 15/12/2014, 17:10

TidalRace ha scritto:Il problema sai qual'è? Che anche se una cosa piace un chitarrista pensa subito alla difficoltà della rivendibilità.

vero,purtroppo quasi nessuno cerca qualcosa che piaccia a lui per essere pienamente soddisfatto,moltissimi temono comunque di sbagliare scelta e il fatto di avere difficoltà a rivendere un oggetto scoraggia dall'acquisto...ma,diciamoci la verità:anche se una Mesa Mark IV suona in maniera incredibile,il suo costo la rende un oggetto difficilmente rivendibile...per cui,se dopo averla comprata ti rendi conto che preferisci un sound diverso....che fai?la svendi?vorrei proprio vedere.....
TidalRace ha scritto:La tecnica utilizzata dal marchio da te citato è al limite del suicidio, però potrebbe anche dare i suoi frutti a lungo termine.

concordo,anzi era proprio quello che intendevo.....in un certo senso glielo auguro,perché anche se non li conosco personalmente (né credo comprerò mai un loro prodotto...bellissimo,ma per le mie necessità è un pelino "fuori budget" :wink: ) attuare una politica commerciale del genere è folle e coraggioso....ancor più in un periodo economico come l'attuale!!!!!
TidalRace ha scritto: Le difficoltà che ho incontrato io sono proprio basate sulle poche possibilità che si hanno sia di farsi conoscere, sia di svalutazione economica e sia di coinvolgimento di soci e finanziatori, addirittura mi era stato consigliato di tenere i prezzi più bassi di chi produce in serie, magari in Oriente, ma quale artigiano deve combattere la concorrenza dell'industria asiatica? Non hai idea di quali siano i costi per produrre artigianalmente un amplificatore che nell'immediato rimane una sola realizzazione.

diciamo che non oso immaginarlo :sweating: :sweating: :sweating: :sweating: :sweating:
andyfender ha scritto:Tanti anni fa, mi hanno raccontato che in Giappone, in un periodo in cui tutto andava male, il governo ha obbligato i datori di lavoro ad aumentare gli stipendi ai lavoratori!!
I risultati di questa manovra geniale sono stati quasi immediati e senz'altro positivi,tanto che possiamo vedere cosa è diventato il Giappone: gli acquisti hanno preso il volo, con conseguente vantaggio di tutti i produttori e dell'economia in generale. Chi ha dovuto a pagare per primo,si è ampiamente rifatto.
Lo facessero anche in Italia: sono certo che ci si penserebbe di meno e con minor patema d'animo ad acquistare qualcosa costruito da Pinco Pallino e,ritengo, i consumi aumenterebbero di gran lunga in tutti i settori dando profitti a tutti.
In Italia quello che aumentano sono solo le tasse!!! Ciao e grazie. A

eh,quì entriamo in un argomento spinoso:in politica sembra sempre che noi italiani siamo tutti d'accordo che le cose vadano malissimo,ma poi alle urne vincono sempre quelli che negli anni hanno piano piano generato i problemi.....meglio non parlarne,e rilassarci parlando dei nostri amati strumenti :wink:

Avatar utente
andyfender
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4935
Iscritto il: 18/09/2011, 9:37

Re: guida alle valvole valida (?)

  • Cita

Messaggioda andyfender » 15/12/2014, 17:15

Bravo Simo!!! Sei grande!!!

  • Spazio pubblicitario

Commenta con Facebook

Torna a “Amplificatori, casse, effetti...”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite