I primi amplificatori Fender (1946-1964) seconda parte

Forum dedicato ad effetti, amplificatori, accessori per gli strumenti musicali
Avatar utente
simoneb
Icona del Rock
Icona del Rock
Messaggi: 2406
Iscritto il: 23/09/2011, 12:40

Re: I primi amplificatori Fender (1946-1964) seconda parte

  • Cita
  • Proponi su OK Notizie

Messaggioda simoneb » 30/10/2014, 15:07

mmm...interessante,per chi apprezza quello specifico riverbero...

Avatar utente
texx
Contributor
Contributor
Messaggi: 574
Iscritto il: 21/05/2012, 16:47
Località: Zianigo

Re: I primi amplificatori Fender (1946-1964) seconda parte

  • Cita

Messaggioda texx » 31/10/2014, 13:57

...ricordo di aver letto anni fa su chitarre un lungo articolo sui Fender :i blackface e i silverface .Uno dei due,non ricordo quale,o forse tutti e due ,erano considerati "lo stato dell'arte degli amps".Mi piacerebbe sapere se il Master volume (o gain,sono la stessa cosa?)venne fuori con i Sunn (Leslie West diceva che fu il primo a usare il master volume con i Sunn (di Woodstockiana memoria) o fu con i Mesa Boogie....

Avatar utente
andyfender
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4935
Iscritto il: 18/09/2011, 9:37

Re: I primi amplificatori Fender (1946-1964) seconda parte

  • Cita

Messaggioda andyfender » 31/10/2014, 18:10

Ciao texx.Mi permetto di scriver qualcosa io,intanto. I Blackface sono stati i primi ad essere costruiti ed hanno una voce meravigliosa. Non avevano il master volume che fu introdotto,credo, proprio con i Silverface (post 1966). A memoria posso scrivere solo questo. Un caro saluto.A.

Avatar utente
TidalRace
Team Liutai
Team Liutai
Messaggi: 437
Iscritto il: 26/09/2012, 13:18
Località: Ancona

Re: I primi amplificatori Fender (1946-1964) seconda parte

  • Cita

Messaggioda TidalRace » 31/10/2014, 19:41

I Blackface sono stati prodotti per pochi anni, più o meno dal 1963 al 1966 e sono forse la migliore serie. I Silverface sono l'evoluzione ma i tecnici CBS ne hanno stravolto l'impostazione originale con trasformatori d'uscita ultralineari (di tipo hi-fi) maggiori potenze, non sempre è un bene, a volte un suono maggiormente orientato su altre frequenze. Il Master fu introdotto sui Silverface nel 1971, io lo considero una buona cosa, purtroppo è stata accompagnata da altre modifiche per molti peggiorative e quindi anche le versioni con Master Volume hanno minore valore. Il Gain e Il Master Volume sono comunque due controlli di volume, almeno sui valvolari, hanno funzioni diverse in quanto il primo si trova nei primi stadi d'amplificazione e di fatto ci regola la saturazione dello stadio successivo, il Master si trova tra preamplificatore e finale e quindi ne regola il volume d'uscita. Oggi si usa mettere anche un Master Volume tra la valvola sfasatrice e quelle di potenza, quindi all'interno della sezione di potenza, l'effetto è diverso in quanto alla sfasatrice arriva tutto il segnale del preampli, quindi concorre alla timbrica con tutte le sue armoniche.
Attenzione: le varie serie: Woodye, Twotone, Tweed, Brownface, Blonde, Blackface, SIlverface, sono nomi dati dagli appassionati e collezionisti dopo la loro produzione e non ai tempi di Leo Fender. Sono serviti solo a distinguere i vari periodi di produzione, mentre per Fender un Deluxe o un Bassman poteva essere riconosciuto dal circuito installato, dal numero di serie etc...

Avatar utente
texx
Contributor
Contributor
Messaggi: 574
Iscritto il: 21/05/2012, 16:47
Località: Zianigo

Re: I primi amplificatori Fender (1946-1964) seconda parte

  • Cita

Messaggioda texx » 01/11/2014, 14:26

sui Silverface dunque.Ma allora i Mesa Boogie cosa avevano di nuovo all'epoca?era forse un Master Volume più raffinato?(se cosi si può dire...)

Avatar utente
TidalRace
Team Liutai
Team Liutai
Messaggi: 437
Iscritto il: 26/09/2012, 13:18
Località: Ancona

Re: I primi amplificatori Fender (1946-1964) seconda parte

  • Cita

Messaggioda TidalRace » 01/11/2014, 19:52

texx ha scritto:sui Silverface dunque.Ma allora i Mesa Boogie cosa avevano di nuovo all'epoca?era forse un Master Volume più raffinato?(se cosi si può dire...)

I Mesa-Boogie della serie Mark erano e sono dei concentrati di potenza e controlli in minime dimensioni. Il Mark I del 1972 oltre ad avere 100 watt racchiusi nel piccolo box, aveva due volumi e un master, senza l'Eq a 5 bande e mi sembra senza il footswitch del canale, ma la saturazione era più moderna di quella dei Fender che non sono famosi per questo.

Avatar utente
texx
Contributor
Contributor
Messaggi: 574
Iscritto il: 21/05/2012, 16:47
Località: Zianigo

Re: I primi amplificatori Fender (1946-1964) seconda parte

  • Cita

Messaggioda texx » 02/11/2014, 18:54

ok Tidalrace.Come sempre sei (siete)una garanzia :cool:

Avatar utente
TidalRace
Team Liutai
Team Liutai
Messaggi: 437
Iscritto il: 26/09/2012, 13:18
Località: Ancona

Re: I primi amplificatori Fender (1946-1964) seconda parte

  • Cita

Messaggioda TidalRace » 02/11/2014, 23:17

texx ha scritto:ok Tidalrace.Come sempre sei (siete)una garanzia :cool:

Siete?

Avatar utente
texx
Contributor
Contributor
Messaggi: 574
Iscritto il: 21/05/2012, 16:47
Località: Zianigo

Re: I primi amplificatori Fender (1946-1964) seconda parte

  • Cita

Messaggioda texx » 03/11/2014, 10:59

..si dai,anche Andyfender ha detto la sua...

Avatar utente
TidalRace
Team Liutai
Team Liutai
Messaggi: 437
Iscritto il: 26/09/2012, 13:18
Località: Ancona

Re: I primi amplificatori Fender (1946-1964) seconda parte

  • Cita

Messaggioda TidalRace » 03/11/2014, 12:53

Ah, si. E' un lavoro d'equipe.

  • Spazio pubblicitario

Commenta con Facebook

Torna a “Amplificatori, casse, effetti...”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot] e 1 ospite