I bassi Gibson.

Forum dedicato al mondo degli strumenti a corda
Avatar utente
andyfender
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4935
Iscritto il: 18/09/2011, 9:37

I bassi Gibson.

  • Cita
  • Proponi su OK Notizie

Messaggioda andyfender » 13/03/2014, 5:44

Generalmente questi strumenti sono un po' trascurati in MI, si parla più di 6 corde,ma abbiamo visto che un nuovo iscritto suona questo strumento,ma anche altri sono presenti, per cui non solo per lui,ma anche per chiaccherare un po' vediamo la storia di questo strumento che ha avuto uno stravolgimento pesantissimo!

Prima della produzione dei bassi elettrici,la Gibson aveva in catalogo dei bassi acustici che erano meglio definiti come chitarra tenore a 4 corde:infatti verso gli anni '20 veniva costruito un grosso strumento da appoggiare come un contrabasso e che si chiamava stile J. accordato ad una ottava sotto la chitarra.
Verso la fine degli anni '20 fu presentato il modello PG1 che era una chitarra in doppia versione: la prima con 27 pollici di corista che era uno strumento a plettro, e la seconda un modello tenore con 23 pollici, con la scala del banjo tenore.

La chitarra tenore LG O a quattro corde fu costruita a partire dal 1927 e rimase in catalogo fino al 1960; dopo di che furono costruiti anche altri modelli di bassi acustici a quattro corde come per esempio il TG O con fondo e fasce in mogano.

Ma una rivoluzione del concetto di basso fu portato nel 1951 da Fender con il Precision Bass,uno strumento amplificato di forma contenuta come una chitarra solid body,ma che estendeva le possibilità e le funzioni dello strumento.

La Gibson fu pronta a rispondere e uscì nel 1953 con un basso solid body a forma di violino che chiamò inizialmente Gibson Electric Bass.(che fantasia!!)
Dal '53 al '58 ne furono venduti solo 546 esemplari, dopo di che fu tolto dal catalogo.

Era uno strumento con tavola arcuata e spessa 2 pollici (5,8 cm!!!) in mogano,20 tasti un p.u. vicino alla tastiera di tipo Alnico ed un prezzo di 225 dollari (mica pochi!!).

Questo basso fu chiamato nel 1958 EB1 per differenziarlo da un altro baso costruito nel frattempo e chiamato EB2.

Dal 1960 in poi si accavallano tanti di quei modelli con sigle strane e forme ancora di più, che non sfugge il vano tentativo di contrastare la produzione Fender senza scalfire minimamente il successo dei modelli di Leo.


Mi piace ricordare il modello EB3L con la forma SG ed il modello Grabrer che aveva la possibilità di far scorrere il p.u. sotto le corde per modificare la timbrica di cui esisteva anche la versione a 3 p.u.fissi.

Il basso Thunderbird ha sempre il suo fascino.Anche alcuni modelli fretless del modello Ripper che è stato il primo basso senza tasti della Gibson sono interessanti.
Poi si passa alla produzione EPIPHONE che fu discretamente accettata alla fine degli anni '60.

A dire il vero ci sono molti estimatori dei bassi Gibson,ma personalmente reputo che non hanno nulla da spartire con i Fender sia Precision che Jazz: in effetti non hanno mai superatola popolarità di questi due gioielli.

Papà Leo sapeva cosa faceva!!! E lo faceva tanto,tanto bene!!!! Ciao .A
Allegati
EB2D.jpeg
EB2D
EB3.jpeg
EB3
EB3.jpeg (6.27 KiB) Visto 367 volte
SB400.jpeg
SB400
EB3L.jpeg
EB 3L
Grabrer.jpeg
Grabrer
Thunderbird.jpeg
Thunderbird
Thunderbird.jpeg (11.08 KiB) Visto 367 volte
ripper.jpeg
Ripper

Avatar utente
TidalRace
Team Liutai
Team Liutai
Messaggi: 438
Iscritto il: 26/09/2012, 13:18
Località: Ancona

Re: I bassi Gibson.

  • Cita

Messaggioda TidalRace » 13/03/2014, 14:02

Io ho avuto il Gibson Ripper, quello dell'ultima foto e a differenza del Grabber che era dello stesso periodo, aveva il manico incollato anziché avvitato. Era un po' scomodo nel suonarlo per via della scala molto lunga, se non ricordo male 34,5 Pollici, quindi mezzo pollice oltre Precision e Jazz Bass e del peso considerevole. :worried: Però io non sono particolarmente alto e quindi la cosa è da imputarsi anche a questo. Il suono, molto particolare, aveva molto sustain, poco attacco e un po' slabbrato, cioè mancava di definizione nell'attacco della nota. Sicuramente meglio nella versione fretless che non ho mai provato. :sadsmile: L'ho usato negli ultimi anni con il gruppo e nel primo periodo di piano-bar poi sostituito da un Hohner simil Steinberger, molto più leggero e adatto agli spazi stretti. :bigsmile:

Avatar utente
simoneb
Icona del Rock
Icona del Rock
Messaggi: 2406
Iscritto il: 23/09/2011, 12:40

Re: I bassi Gibson.

  • Cita

Messaggioda simoneb » 13/03/2014, 14:47

la Gibson con i suoi bassi non ha ottenuto nemmeno un terzo del successo che hanno ottenuto le chitarre,eppure alcuni strumenti meritano.....certo i Fender sono inarrivabili e sono dominatori incontrastati del mercato,però la sproporzione secondo me non è del tutto giustificata...probabilmente conta molto il fattore moda,alla fine anche i musicisti si lasciano influenzare da queste cose :wink: e poi,diciamo la verità:cosa esiste di più versatile nell'ambiente degli strumenti elettrici di un Fender Jazz? :bigsmile:

Avatar utente
venom2303
Nuovo Utente
Nuovo Utente
Messaggi: 9
Iscritto il: 19/09/2012, 19:48
Località: Italy

Re: I bassi Gibson.

  • Cita

Messaggioda venom2303 » 16/11/2014, 19:31

è uscita la nuova serie di bassi EB, a me non dispiace, mi piacerebbe provarne uno

http://www2.gibson.com/Products/Electri ... -Bass.aspx
Geezer Butler huge fan

Avatar utente
andyfender
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4935
Iscritto il: 18/09/2011, 9:37

Re: I bassi Gibson.

  • Cita

Messaggioda andyfender » 16/11/2014, 19:47

Belli!! Il body è chiaramente di ispirazione Fender,ma l'abbinamento con la paletta Gibson classica la trovo equilibrata nonostante un po' di stupore iniziale. Come diceva Simoneb i Fender sono inimitabili come suono e versatilità. Credo che il segreto sia nei p.u.:hanno cercato alternative un po' tutti i costruttori di bassi,ma il risultato non è mai stato eclatante.A memoria gli Alembic non erano male. In ogni caso il buon Simo ha nominato il modello top Storico per i bassi: come il Jazz non c'è nulla.Se abbinato ad un buon ampli,poi........!!Ciao e grazie. A

Avatar utente
venom2303
Nuovo Utente
Nuovo Utente
Messaggi: 9
Iscritto il: 19/09/2012, 19:48
Località: Italy

Re: I bassi Gibson.

  • Cita

Messaggioda venom2303 » 16/11/2014, 20:32

gli Alembic sono i Rolls Royce dei bassi, costano uno sproposito e non è facile trovarli usati, i Gibson nuovi non mi dispiacciono, come ripeto mi piacerebbe provarne (ed averne) uno :wink:
Geezer Butler huge fan

Avatar utente
TidalRace
Team Liutai
Team Liutai
Messaggi: 438
Iscritto il: 26/09/2012, 13:18
Località: Ancona

Re: I bassi Gibson.

  • Cita

Messaggioda TidalRace » 17/11/2014, 19:41

Infatti gli Alembic erano il sogno di tanti bassisti, quando uscirono, ma vuoi per i prezzi, vuoi per la sofisticata elettronica, non erano molto diffusi. Quando ho iniziato a suonare erano il meglio del meglio anche senza averli mai sentiti.

  • Spazio pubblicitario

Commenta con Facebook

Torna a “Chitarre e derivati”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite