L'amplificatore per chitarra.

Consigli e guide sulla manutenzione dello strumento.
Regole del forum
E' severamente vietata la copia anche parziale dei contenuti di questa sezione, salvo espresso consenso dell'Autore che ne detiene tutti i diritti.

Grazie, l'Amministratore.
Avatar utente
andyfender
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4935
Iscritto il: 18/09/2011, 9:37

L'amplificatore per chitarra.

  • Cita
  • Proponi su OK Notizie

Messaggioda andyfender » 06/02/2012, 9:26

Non mi illudo nemmeno di poter scrivere un decimo di quello che si potrebbe dire su questo magnifico oggetto.
La sua invenzione ha permesso livelli sonori impensabili per poter ascoltare i nostri strumenti.

Credere che sia facile progettare e costruire un amplificatore sia esso a transistor o a valvole, è un grosso errore.
Ci sono dei parametri e delle caratteristiche che sono poche note ai più,ma che fanno la differenza fra un ampli "normale" ed un ottimo ampli.

Mi limiterò soltanto ad esporre quali sono le caratteristiche più importanti che possiamo definire "Dati tecnici caratteristici"

Guadagno,linearità e risposta in frequenza:in ogni ampli esiste una data relazione fra forma d'onda in entrata e quella in uscita amplificata.Tale relazione è di solito lineare e possiamo tracciarla come una retta,la quale, se amplificata diciamo 1000volte,avrà moltiplicata per lo stessi fattore tutte le parti della forma d'onda e tutte le frequenze.
Questo fattore 1000 è il GUADAGNO dell'ampli.

Ovviamente verranno amplificati anche i difetti per questo fattore.

Nell'amplificatore ideale il guadagno dovrebbe restare costante per tutte le frequenze,ma in pratica ciò non avviene.
Agli estremi della curva delle frequenze che l'ampli è in grado di riprodurre,il guadagno presenta delle cadute fino a non avere più nessun segnale in uscita a qualsiasi livello di ingresso. A frequenze medie il guadagno cambia in maniera minore.

Queste mutazioni sono deviazioni della cosiddetta "LINEARITA'" e causano distorsione.
In teoria l'ampli ideale dovrebbe avere un linearità appunto lineare.
Invece ,se potessimo vedere il grafico alle varie frequenze,troveremo gobbe e avvallamenti, e ciò può cambiare a vari livelli di volume.

La risposta in frequenza è più intuibile: indica il campo delle stesse che l'ampli riesce a riprodurre.
Inutile cercare i 20.000 Hz o le frequenze inferiori a 20 Hz.: sarebbero in ogni caso inudibili al nostro orecchio, non riproducibili dalla chitarra, e lasciamo questi miracoli agli ampli HI-FI.

Livelli di ingresso e d'uscita::la potenza di uscita è quella che ci interessa maggiormente,ma non dobbiamo trascurare l'ingresso effettivo.
La sensibilità di ingresso riguarda il livello minimo di segnale in ingresso necessario per ottenere dall'ampli la potenza massima di uscita stabilita dal costruttore,con il volume al massimo ed i controlli di tono a metà corsa.
E' più facile mandare in overdrive un ampli con una bassa sensibilità di ingresso ( circa 9 mV) allo scopo di produrre distorsione.

Potenza di uscita: è intuibile che si intende i watts che riesce a riprodurre.

Tempo di salita: è la velocità con cui riesce a reagire ad una variazione di segnale e si misura in microsecondi.

Fattore di smorzamento: è importante,anche se trascurato:indica la misura del controllo che l'ampli ha sull'altoparlante. In pratica questo deve muoversi solo finchè c'è il segnale e deve fermarsi il più velocemente possibile quando questo termina. Questo determina quella che noi chiamiamo "botta".

Ultime cose: rumore o disturbo: è in pratica il ronzio della frequenza di rete e il rumore generato dal movimento casuale degli elettroni nel circuito. Il rapporto segnale/ rumore viene indicato in numeri negativi tipo: -60dB ed indica appunto quanto è grande il rumore rispetto al segnale della chitarra in uscita.

La gamma dinamica:è la differenza fra il volume del suono più basso che esso può riprodurre ed il più alto.

Alcuni fattori non sono stati menzionati,sia perchè poco significativi per noi,ma anche perchè la memoria,ormai, è quella che è.

Grazie se mi avete seguito fino qui. Andyfender
Ultima modifica di andyfender il 22/02/2012, 11:51, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Ares
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 3144
Iscritto il: 17/09/2011, 21:22
Località: Sicilia
Contatta:

Re: L'amplificatore per chitarra.

  • Cita

Messaggioda Ares » 06/02/2012, 9:31

Ti ho seguito eccome! Senti andy se ti posto i dati del mio ampli e della cassa mi diresti cosa ne pensi aiutandomi a capire? Sai che non me ne intendo molto.
Grazie ancora per quest'altra fantastica perla

Avatar utente
andyfender
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4935
Iscritto il: 18/09/2011, 9:37

Re: L'amplificatore per chitarra.

  • Cita

Messaggioda andyfender » 06/02/2012, 9:39

Ares ha scritto:Ti ho seguito eccome! Senti andy se ti posto i dati del mio ampli e della cassa mi diresti cosa ne pensi aiutandomi a capire? Sai che non me ne intendo molto.
Grazie ancora per quest'altra fantastica perla


Ma certamente,sarà un piacere. grazie a te.

Avatar utente
Ares
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 3144
Iscritto il: 17/09/2011, 21:22
Località: Sicilia
Contatta:

Re: L'amplificatore per chitarra.

  • Cita

Messaggioda Ares » 06/02/2012, 10:01

Scusa Andy ma è stata una faticaccia copiare le info dal manuale in pdf, era protetto

Ricezione/trasmissione di dati SysEx MIDI
Il V-AMPIRE può ricevere un Dump SysEx da un altroapparecchio MIDI, non appena nel modo EDIT viene attivata lafunzione MIDI (tasto A). In questo modo vengono però sovrascrittiautomaticamente tutti i preset. Potete anche trasmettere dal V-AMPIRE dei dati MIDI ad un altro apparecchio (Total Dump),tenendo premuto, nel modo EDIT, il tasto MIDI fino a che appared sul display. Con un Total Dump potete per esempio trasmetterelintero contenuto della memoria ad un sequenziatore MIDI ememorizzarvelo.Potete però anche trasmettere un preset selezionato ad unaltro apparecchio: a questo scopo passate al modo EDITpremendo contemporaneamente i due tasti a freccia, attivate lafunzione MIDI e premete brevemente il tasto MIDI. Le informazionipreset vengono prima memorizzate in un buffer temporaneo epossono quindi essere assegnate ad un qualsiasi preset per mezzo della funzione di memorizzazione.

9. DATI TECNICI
INGRESSI AUDIOIngresso strumento
Presa jack mono da 6,3 mm,asimmetricaImpedenza dingresso1 M
Ω
Livello dingresso max.+9 dBu
Ingresso aux stereo
Presa jack stereo da 6,3 mmImpedenza dingresso4,7 k
Ω
Ingresso Pre DSP Return
Presa jack mono da 6,3 mm,asimmetricaImpedenza dingresso2 k
Ω
Livello dingresso max.+9 dBu
USCITE AUDIOUscite analogiche S/D
Prese jack mono da 6,3 mm,asimmetricheImpedenza duscitacirca 680
Ω
Livello duscita max.+9 dBu
Uscita Pre DSP Send
Prese jack mono da 6,3 mm,asimmetricheImpedenza duscita<1 k
Ω
Livello duscita max.+9 dBu
Uscita bilanciata
XLR, simmetricaImpedenza duscita100
Ω
Livello duscita max.+14 dBu (studio); 0 dBu (dal vivo)
Connessione cuffia
Presa jack mono da 6,3 mmasimmetricaLivello duscita max.+15 dBu/100
Ω
(+23 dBm)
MIDI
TipoPrese DIN a 5 poli IN, OUT/THRU
ELABORAZIONE DIGITALE DEL SEGNALE
Convertitore24-Bit Delta-Sigma, Sovracam-pionamento a 64/128 volteDinamica A/D104 dB @ BypasspreamplificatoreDinamica D/A92 dBFrequenza dicampionamento31,250 kHzDSP100 MipsDelay Timemax. 1933 msTempo di transito segnale(Line In > Line Out)circa 5 ms
DISPLAY
Tipodisplay a LED a due cifre da7 segmenti

AMPLIFICATORE
Potenza mono(carico 1 x 4Ω)
120 WPotenza stereo(carico 2 x 8 Ω)
2 x 60 WPressione acustica116 dB @ 1 m

Avatar utente
andyfender
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4935
Iscritto il: 18/09/2011, 9:37

Re: L'amplificatore per chitarra.

  • Cita

Messaggioda andyfender » 06/02/2012, 10:25

Leggendo le caratteristiche siamo davanti ad un ottimo ampli: ottima efficienza dovuto ad altoparlanti che possono lavorare in stereo, i presets, un sacco di entrate, minimo rumore,banchi di memoria, emulazioni di speakers e chi più ne ha.....

Eccezionale direi, se vuoi qualche pare specifico chiedimelo pure,ovviamente,ma mi sembra che sia solo doveroso coccolarlo e trattarlo con i guanti. Bella bestia,davvero.!! 116 dB /1m. !!!!!

Sbaglio o ha altoparlanti BUGERA da 12"?
Ultima modifica di andyfender il 06/02/2012, 10:48, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Ares
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 3144
Iscritto il: 17/09/2011, 21:22
Località: Sicilia
Contatta:

Re: L'amplificatore per chitarra.

  • Cita

Messaggioda Ares » 06/02/2012, 10:33

Vero ha un noise gate integrato che se si ha intenzione di non sentire proprio nulla si mette quasi al massimo e sparisce tutto, anche se c'e' attaccato l'impossibile. Le tue parole mi fanno piacere perche' ho sempre sottovalutato questa testata multieffetto, ma alla fine con il suo prezzo veramente imbattibile c'e' poco da fare pregiudizi per il suo nome beringher. Sbaglio Andy?
Io ti farei vedere lo spettrogramma di una registrazione con questo amplificatore..Andy, piatto! piattissimo, nessun picco (questo è derivato unicamente dalla sua elaborazione digitale del segnale, come dicevamo o 1 o zero).

Volevo chiederti solo questo: le due uscite XLR a cosa possono servirmi?

Avatar utente
andyfender
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4935
Iscritto il: 18/09/2011, 9:37

Re: L'amplificatore per chitarra.

  • Cita

Messaggioda andyfender » 06/02/2012, 10:48

Ares ha scritto:Vero ha un noise gate integrato che se si ha intenzione di non sentire proprio nulla si mette quasi al massimo e sparisce tutto, anche se c'e' attaccato l'impossibile. Le tue parole mi fanno piacere perche' ho sempre sottovalutato questa testata multieffetto, ma alla fine con il suo prezzo veramente imbattibile c'e' poco da fare pregiudizi per il suo nome beringher. Sbaglio Andy?
Io ti farei vedere lo spettrogramma di una registrazione con questo amplificatore..Andy, piatto! piattissimo, nessun picco (questo è derivato unicamente dalla sua elaborazione digitale del segnale, come dicevamo o 1 o zero).

Volevo chiederti solo questo: le due uscite XLR a cosa possono servirmi?


Per andare al mixer, per esempio. Sottovalutato è un termine grosso. Non mi sono mai fatto influenzare dai denigratori di questo marchio. Non lo hanno capito,perchè siamo a livelli molto alti e certe raffinatezze non vengono capite.A livello professionale hanno cose molto valide. Devi esserne contento . Ciao. A

Avatar utente
andyfender
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4935
Iscritto il: 18/09/2011, 9:37

Re: L'amplificatore per chitarra.

  • Cita

Messaggioda andyfender » 06/02/2012, 11:00

Pensavo anche che le XLR potrebbero andare ad un registratore.

Avatar utente
Ares
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 3144
Iscritto il: 17/09/2011, 21:22
Località: Sicilia
Contatta:

Re: L'amplificatore per chitarra.

  • Cita

Messaggioda Ares » 07/02/2012, 9:33

Qui dice che quelle uscite simulano una cassa Ultra G. Non so cosa sia

Avatar utente
andyfender
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4935
Iscritto il: 18/09/2011, 9:37

Re: L'amplificatore per chitarra.

  • Cita

Messaggioda andyfender » 07/02/2012, 9:49

Ares ha scritto:Qui dice che quelle uscite simulano una cassa Ultra G. Non so cosa sia

dai un'occhiata qui se è giusto.

http://www.behringer.com/assets/GI100_P0137_M_IT.pdf

  • Spazio pubblicitario

Commenta con Facebook

Torna a “Laboratorio Liuteria”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti