Circuito TBX passivo ed attivo.

Consigli e guide sulla manutenzione dello strumento.
Regole del forum
E' severamente vietata la copia anche parziale dei contenuti di questa sezione, salvo espresso consenso dell'Autore che ne detiene tutti i diritti.

Grazie, l'Amministratore.
Avatar utente
andyfender
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4935
Iscritto il: 18/09/2011, 9:37

Circuito TBX passivo ed attivo.

  • Cita
  • Proponi su OK Notizie

Messaggioda andyfender » 08/01/2012, 8:26

Alla fine degli anni '80,la Fender introdusse nella Signature Eric Clapton e Yngwie Malmsteen (nonchè nella 7 corde di Alex Gregory) il nuovo controllo TBX.
A mio parere fu una innovazione,che ( seppur durata non moltissimo) ha portato il suono della Stratocaster a livelli superiori e che anche oggi avrebbe ragione di esistere.
Quasi impossibile riprodurre questo suono ottenuto con il TBX con una chitarra normale.
Ecco perchè,se non lo si sa,si rimane stupiti da " come facessero",ma il merito ,questa volta, non è solo dei Mostri Sacri.
Questo circuito fu costruito in due versioni: passivo (che ho avuto modo di provare su una mia Strato) e attivo, che è tutto un altro mondo.

Il passivo,di cui allego il ricambio originale Fender:Immagine
è composto da: un potenziometro doppio coassiale con zero centrale: quello superiore da 1Mohm e quello inferiore da 500 kohm,una resistenza da 82,5 Kohm e un condensatore da 22,5 microfarad.
In pratica l'uso del pot.di solito adibito per gli humbucker ed i componenti aggiuntivi,regalava alla chitarra un suono pastoso oppure ancora più brillante senza perdita di acuti a basso volume ed una regolazione molto ampia del tono,quasi se fossimo sempre a smanettare sull'ampli.

Nella versione attiva le cose si vanno a complicare come circuito e vi mostro la componentistica Fender per la modifica:Immagine

Si ottiene un guadagno di +20 dB sulla frequenza desiderata e scelta semplicemente attraverso il pot. del tono.
Le armoniche vengono esaltate, il rumore di fondo diminuito,il suono anche più debole si ode chiarissimo ed ecco che le note che udivamo appena accennate da EC sulla tastiera assumono una definizione incredibile: non si perdono coperte dalle altre.Inoltre il suono dell'Humb può essere riprodotto alla grande.Il tutto attivabile con un semplice miniswitch.
La scheda che vedete nella foto in pratica è un preamplificatore.
La signature EC montava i Lace Sensor e,secondo me, l'accoppiata con il TBX ha portato il Nostro a dei suoni incomparabili. Ciao. A.

Avatar utente
simoneb
Icona del Rock
Icona del Rock
Messaggi: 2406
Iscritto il: 23/09/2011, 12:40

Re: Circuito TBX passivo ed attivo.

  • Cita

Messaggioda simoneb » 08/01/2012, 12:47

cavolo.....è possibile fare questa modifica su una chitarra attuale,o sono componenti che non si trovano più?

sarebbe interessante poter provare a fare una cosa del genere su una chitarra attuale,magari anche non Fender :bigsmile:

Avatar utente
andyfender
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4935
Iscritto il: 18/09/2011, 9:37

Re: Circuito TBX passivo ed attivo.

  • Cita

Messaggioda andyfender » 09/01/2012, 6:09

simoneb ha scritto:cavolo.....è possibile fare questa modifica su una chitarra attuale,o sono componenti che non si trovano più?

sarebbe interessante poter provare a fare una cosa del genere su una chitarra attuale,magari anche non Fender :bigsmile:


Penso che sia fattibilissimo: i ricambi esistono ancora.Se non è Fender la chitarra possono esserci problemi sui valori dei cond. e res. per via dei diversi p.u.

Em1
Super Utente
Super Utente
Messaggi: 979
Iscritto il: 15/10/2011, 19:58
Località: Viterbo

Re: Circuito TBX passivo ed attivo.

  • Cita

Messaggioda Em1 » 15/01/2012, 16:09

Ehehe questi topic fanno venire voglia di smanettare!

  • Spazio pubblicitario

Commenta con Facebook

Torna a “Laboratorio Liuteria”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti