Scegliamo bene la chitarra elettrica: il Body.

Consigli e guide sulla manutenzione dello strumento.
Regole del forum
E' severamente vietata la copia anche parziale dei contenuti di questa sezione, salvo espresso consenso dell'Autore che ne detiene tutti i diritti.

Grazie, l'Amministratore.
Avatar utente
andyfender
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4935
Iscritto il: 18/09/2011, 9:37

Scegliamo bene la chitarra elettrica: il Body.

  • Cita
  • Proponi su OK Notizie

Messaggioda andyfender » 23/09/2011, 9:52

Una attenzione particolare va a questo cuore dello strumento.
Domandiamo al negoziante di che legno si tratta: il migliore per una Fender è il frassino (ash) seguito dall'ontano (alder),poi gli altri possono piacere o meno.
Assicuriamoci che non sia eccessivamente pesante, che abbia un buon suono da spenta e che il corpo vibri se suonate a vuoto le corde.
Checchè ne dicano in molti, il suono da spenta con un buon volume e timbrica sarà, amplificato, con queste caratteristiche,ma una chitarra sorda rimarrà tale anche con il miglior ampli del mondo! Ciao. A
Allegati
SAM_0201.JPG

Avatar utente
jekyrock
Utente registrato
Utente registrato
Messaggi: 114
Iscritto il: 18/09/2011, 16:05

Re: Scegliamo bene la chitarra elettrica: il Body.

  • Cita

Messaggioda jekyrock » 23/09/2011, 10:44

Grazie per i consigli

Avatar utente
andyfender
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4935
Iscritto il: 18/09/2011, 9:37

Re: Scegliamo bene la chitarra elettrica: il Body.

  • Cita

Messaggioda andyfender » 23/09/2011, 11:00

jekyrock ha scritto:Grazie per i consigli


per il pollicione questo ed altro!

Avatar utente
arwoor
Contributor
Contributor
Messaggi: 520
Iscritto il: 12/11/2011, 18:06

Re: Scegliamo bene la chitarra elettrica: il Body.

  • Cita

Messaggioda arwoor » 06/12/2011, 20:06

andyfender ha scritto:l migliore per una Fender è il frassino (ash)

...scusa andy...io invece ho sentito dire che l'accoppiata migliore è l'acero (manico)-ontano...specialmente per ottenere un buon twang...ti riportero in seguito dove l'ho letto e da chi.. :nerd: .
sacrosante parole per la chitarra da spenta...un chitarrista famoso ( nn ricordo chi...) suggeriva questo..suonare le corde a vuoro con la chitarra ancora appesa alla rastrelliera..e tenere la mano sul fondo cassa sul culo della chitarra ...insomma...hem.. :lipssealed: :blush: .così che le dita possano sentire come vibra il corpo...ovviamente + vibra meglio è...
p.s...azz...cmq da te si impara parecchio.. :clapping:
It's only rock'n'roll but i like it

Avatar utente
simoneb
Icona del Rock
Icona del Rock
Messaggi: 2406
Iscritto il: 23/09/2011, 12:40

Re: Scegliamo bene la chitarra elettrica: il Body.

  • Cita

Messaggioda simoneb » 06/12/2011, 23:00

ottimo consiglio...al riguardo una piccola esperienza personale ce l'ho anche io:il confronto(impietoso....)tra le mie due chitarre:da spente l'Ibanez si sente appena e per farmi sentire devo"picchiare" duro col plettro,la PRS ha un volume sorprendente anche da spenta!!!!già da quello si sente nettamente la differenza di livello dei due strumenti....

piccola precisazione:non sto facendo un discorso sulla marca,perchè sono sicuro che una Ibanez di buon livello ha ben più volume anche da spenta della mia,è una valutazione sul livello dei due strumenti....avrebbero potuto essere entrambe di marche diverse,ma una è "entryssimo level" mentre l'altra pur non essendo l'eccellenza si difende un pò meglio :bigsmile:

al riguardo ricordo che in un video in cui mostrava la sua strumentazione,Steve Vai disse che lui provava le chitarre che gli venivano mandate dalla Ibanez sia suonandole,sia ascoltando la nota emessa percuotendoli sia dal manico che dal corpo e confrontandole per vedere se gli piacevano :surprised:

Avatar utente
andyfender
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4935
Iscritto il: 18/09/2011, 9:37

Re: Scegliamo bene la chitarra elettrica: il Body.

  • Cita

Messaggioda andyfender » 07/12/2011, 4:52

arwoor ha scritto:
andyfender ha scritto:l migliore per una Fender è il frassino (ash)

...scusa andy...io invece ho sentito dire che l'accoppiata migliore è l'acero (manico)-ontano...specialmente per ottenere un buon twang...ti riportero in seguito dove l'ho letto e da chi.. :nerd: .
sacrosante parole per la chitarra da spenta...un chitarrista famoso ( nn ricordo chi...) suggeriva questo..suonare le corde a vuoro con la chitarra ancora appesa alla rastrelliera..e tenere la mano sul fondo cassa sul culo della chitarra ...insomma...hem.. :lipssealed: :blush: .così che le dita possano sentire come vibra il corpo...ovviamente + vibra meglio è...
p.s...azz...cmq da te si impara parecchio.. :clapping:


Hai perfettamente ragione sull'accoppiata acero-ontano: è quella che riesce ad accontentare tutti i generi musicali.
L'ontano ha la caratteristica di un attacco moderato ed un decadimento regolare.E' equilibrato su tutte le frequenze.
Il frassino,soprattutto quello di peso medio,ha un sacco di armoniche il più ed è molto più risonante: abbinato con una leva temolo riesce a dare il suono a"campana" ricercato nelle vecchie tele. Sono sottigliezze,che come dici tu,vanno vagliate secondo il suono che si vuole.Non dimentichiamoci, però, che le prime Fender furono costruite in frassino e sono gradite a molti chitarristi come Gilmour.
Dal '56 in poi fu introdotto l'ontano. Personalmente una chitarra in frassino mi attira maggiormente,ma sono gusti.

Sulle vibrazioni da spenta, ti invito a provare la sommità della paletta mentre la suoni, senza tenerla in mano. E' una gran goduria. Grazie per i complimenti. Ciao. A

  • Spazio pubblicitario

Commenta con Facebook

Torna a “Laboratorio Liuteria”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti