La Testardaggine: il miglior Maestro!

Impariamo insieme
Avatar utente
andyfender
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4935
Iscritto il: 18/09/2011, 9:37

La Testardaggine: il miglior Maestro!

  • Cita
  • Proponi su OK Notizie

Messaggioda andyfender » 21/07/2012, 7:05

Cari Amici,quante volte nella mia vita affrontando un pezzo ostico o troppo difficile per le mie possibilità, lo ho abbandonato.

Che errore imperdonabile e cretino!
Se tutti i grandi ed in ogni campo avessero fatto come me,oggi saremmo ancora ad accendere il fuoco con la pietra focaia.

Invece non si può e non si deve fare così, anzi.
Se qualcosa non ci riesce,dobbiamo prenderla come una sfida con noi stessi: siamo capaci di fare tutto,se vogliamo,ma solo se vogliamo.

Dovrebbe essere una regola di vita in generale,ma accontentiamoci di applicarla solo al nostro strumento.

E' inimmaginabile la soddisfazione che ci prenderà quando avremo superato noi stessi e le nostre debolezze!

Stay in tune!! A.

Avatar utente
Ares
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 3144
Iscritto il: 17/09/2011, 21:22
Località: Sicilia
Contatta:

R: La Testardaggine: il miglior Maestro!

  • Cita

Messaggioda Ares » 21/07/2012, 8:21

Vero, ci potrà volere solo tempo, ma alla fine riuscirai sempre. (almeno nello strumento)

Avatar utente
Dogat
Team Liutai
Team Liutai
Messaggi: 182
Iscritto il: 13/11/2011, 20:03

Re: La Testardaggine: il miglior Maestro!

  • Cita

Messaggioda Dogat » 21/07/2012, 9:11

Ciao Andy,

quando capitano cose che ad un primo avviso sembrerebbero avere delle difficoltà e parlo in ambito musicale, la regola migliore da seguire ovvero quella che veniva insegnata ai tempi dei mie studi musicali è quella di iniziare con lo studiare "l'infarinatura generale", ma senza ostinarsi da subito nel voler risolvere il problema stesso ed ogni giorno dedicare quello spazio di tempo necessario, ma senza mai "sovracaricare le valvole" o neuroni che dir si voglia, perchè la soluzione del tutto, ma dilazionata in un tempo necessario, che per ragioni di logica resta prettamente individuale è sempre possibile, proprio perchè, giorno per giorno, si acquista le stessa tecnica necessaria attua nell'esecuzione stessa e questo con qualunque strumento musicale.

Dogat. :-)

Avatar utente
arwoor
Contributor
Contributor
Messaggi: 520
Iscritto il: 12/11/2011, 18:06

Re: La Testardaggine: il miglior Maestro!

  • Cita

Messaggioda arwoor » 21/07/2012, 9:31

a volte rimpiango i templi "biblici" che mettevo per imparare certi pezzi...era solo per pigrizia,perchè nn mi "servivano" in un ambito live...ma sarà che ogni cosa ha il suo "tempo"?...alla fine cmq li ho imparati...foss'anche che ci ho messo 20 anni... :cool: :hi: :bear:
It's only rock'n'roll but i like it

Avatar utente
andyfender
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4935
Iscritto il: 18/09/2011, 9:37

Re: La Testardaggine: il miglior Maestro!

  • Cita

Messaggioda andyfender » 21/07/2012, 9:51

Dogat ha scritto:Ciao Andy,

quando capitano cose che ad un primo avviso sembrerebbero avere delle difficoltà e parlo in ambito musicale, la regola migliore da seguire ovvero quella che veniva insegnata ai tempi dei mie studi musicali è quella di iniziare con lo studiare "l'infarinatura generale", ma senza ostinarsi da subito nel voler risolvere il problema stesso ed ogni giorno dedicare quello spazio di tempo necessario, ma senza mai "sovracaricare le valvole" o neuroni che dir si voglia, perchè la soluzione del tutto, ma dilazionata in un tempo necessario, che per ragioni di logica resta prettamente individuale è sempre possibile, proprio perchè, giorno per giorno, si acquista le stessa tecnica necessaria attua nell'esecuzione stessa e questo con qualunque strumento musicale.

Dogat. :-)


Sante parole Amico mio! Ci vuole tempo per imparare queste cose sulla propria pelle,ma alla fine si vedono i risultati. Grazie! Ti abbraccio!!!

Avatar utente
andyfender
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4935
Iscritto il: 18/09/2011, 9:37

Re: La Testardaggine: il miglior Maestro!

  • Cita

Messaggioda andyfender » 21/07/2012, 9:53

arwoor ha scritto:a volte rimpiango i templi "biblici" che mettevo per imparare certi pezzi...era solo per pigrizia,perchè nn mi "servivano" in un ambito live...ma sarà che ogni cosa ha il suo "tempo"?...alla fine cmq li ho imparati...foss'anche che ci ho messo 20 anni... :cool: :hi: :bear:


Non ne dubito! Ho imparato che non sei certo una persona che molla facilmente e hai una esperienza sia di strumentista che di vita notevolissima. Grazie!!

Avatar utente
Decay
Utente registrato
Utente registrato
Messaggi: 45
Iscritto il: 01/09/2012, 17:19

Re: La Testardaggine: il miglior Maestro!

  • Cita

Messaggioda Decay » 02/09/2012, 11:20

andyfender ha scritto:Cari Amici,quante volte nella mia vita affrontando un pezzo ostico o troppo difficile per le mie possibilità, lo ho abbandonato.

Che errore imperdonabile e cretino!
Se tutti i grandi ed in ogni campo avessero fatto come me,oggi saremmo ancora ad accendere il fuoco con la pietra focaia.

Invece non si può e non si deve fare così, anzi.
Se qualcosa non ci riesce,dobbiamo prenderla come una sfida con noi stessi: siamo capaci di fare tutto,se vogliamo,ma solo se vogliamo.

Dovrebbe essere una regola di vita in generale,ma accontentiamoci di applicarla solo al nostro strumento.

E' inimmaginabile la soddisfazione che ci prenderà quando avremo superato noi stessi e le nostre debolezze!

Stay in tune!! A.


Hai proprio abbozzato il profilo dello scienziato modello.
Scienze a parte, o ampliando il concetto di scienze come conoscenze, la caparbietà e l'ostinazione sono armi e compagne di tutte le ricerche.
Ogni scoperta, ogni successo e ogni invenzione sono frutto di giorni, mesi, anni, vite di tentativi, prove, frustrazioni.
E non si dimentichi che dietro l'angolo c'è sempre la consapevolezza del fatto che il successo potrebbe non arrivare.

  • Spazio pubblicitario

Commenta con Facebook

Torna a “Teoria e Tecnica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite