Un Pezzo Nuovo e un Rudere del '57....

Per tutto quello che non tramonta mai..
Avatar utente
Dogat
Team Liutai
Team Liutai
Messaggi: 182
Iscritto il: 13/11/2011, 20:03

Un Pezzo Nuovo e un Rudere del '57....

  • Cita
  • Proponi su OK Notizie

Messaggioda Dogat » 03/10/2012, 17:51

Cari Amici,

dopo varie titubanze alla fine quindici giorni fà mi sono comprato una chitarra di "legno di ferro", termine che nella mia lingua locale veniva appioppato ai suoi tempi alle chitarre acustiche.
Come ben saprete non ho mai avuto una particolare propensione per questa tipologia di chitarre e tutto restava legato al fatto che più di trent'anni fà, provando una Eko-Ranger, rimasi esterefatto dalla dureza che aveva la chitarra stessa e quindi mi passò immediatamente la voglia di una chitarra del genere.
L'acquisto di questa, che non a caso è proprio una Eko-Ranger, deriva dal fatto che la stavano spacchettando nel negozio e gli ho detto all'amico proprietario se me la lasciasse provare, nessun problema...
Poco dopo era già sulle mie spalle per la via di casa, il prezzo relativamente super-economico, problemi che mi ricordassero quella muraglia di cemento armato dei primissimi anni '80, non ce n'erano.
Messa subito all'opera tirata in accordatura di mezza nota in più, dimodochè il manico iniziasse subito a capire che in casa mia non si scherza eccola che dopo due giorni teneva la sua accordatura molto bene, naturalmente nell'arco delle due settimane ho regolato alla eprfezione l'action che per me è fondamentale in tutte le chitarre.
Quello che mi ha colpito di questo strumento economico è che non sferraglia...cosa che invece ho sentito come caratteristica in chitarre di ben più alti costi.

L'ho utilizzata così per eseguire la frase di un arrangiamento musicale che stavo portando avanti e avevo già figurato che dovesse essere proprio un'acustica la voce di quel cantato parziale, così infatti è stato.

Per quanto riguarda invece il resto è capitato un bel Rudere del '57" pieno di ragnatele, ma a disposizione ed ecco il perchè dell'inserimento di questo mio articolo nella sezione Vintage e collezionismo ovvero un bel Leslie che in abbinata all'Hammond 63 poteva rimettere in luce o voce che dir si voglia quelle sfumature particolari che negli anni '50 erano sì bandite, ma proprio perchè pane quotidiano con il quale dover fare la guerra ovvero le famigerate medie frequenze che in quegli anni risultavano esaltate non poco (erano gli altoparlanti che davano quel problema che si ridusse mano a mano negli anni '60 con l'ingrandimento degli stessi, compreso pure il peso del Leslie)...

A confronto comunque con il Leslie più diffuso e venduto negli anni '60, che conosco a memoria, sarà forse anche per questo brano, quindi per il calzare a pennello dello strumento stesso, se mi avessero portato, in questi giorni, due bettoniere di Nutella non avrei avuto gli stessi orgasmi che invece si sono susseguiti mano a mano che provavo e poi registravo in studio...se ci pensiamo bene uno è del '57, l'altro del '63 e lasciamo perdere chi schiaccia i tasti e strappa le corde, perchè l'età di quest'ultimo si è fermata da sempre agli anni '80.

Questo è il link dove impiego i soggetti in questione:

http://www.youtube.com/watch?v=NGkaR5aVr_A&feature=plcp

Un saluto da parte mia a tutti quanti Voi e Buona Musica Sempre!



Dogat. :)


X Andy...poi come sempre accade, per quei certi suoni particolari, prende sia quel piacere che estranea l'individuo dalla realtà odierna, ma con un condimento di malinconia non di certo da poco.

Avatar utente
andyfender
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4935
Iscritto il: 18/09/2011, 9:37

Re: Un Pezzo Nuovo e un Rudere del '57....

  • Cita

Messaggioda andyfender » 03/10/2012, 18:57

Grande Dogat!!!Che suono grandioso!
Come si fà a dimenticare quegli anni e quegli oggetti ormai di culto della musica suonata?Complimenti vivissimi per tutto!!

P.S. la Eko Ranger è stata la mia prima chitarra acustica elettrificata del MIO periodo:" 2^ Era Chitarristica".
Avevo abbandonato il tutto per 10 anni.

Avatar utente
Dogat
Team Liutai
Team Liutai
Messaggi: 182
Iscritto il: 13/11/2011, 20:03

Re: Un Pezzo Nuovo e un Rudere del '57....

  • Cita

Messaggioda Dogat » 03/10/2012, 20:59

Ciao Andy,

grazie innanzitutto per l'apprezzamento in merito!

Devo dirti che mi sono trovato "proprio spaesato" con l'acustica in mano, ma per i suoni intendasi, in quanto non c'ero abituato, anche se con le mie varie "Arcotopo-Arcogatto" problemi non ne ho mai avuto, come pure con la classica e questa proprio a livello di equalizzazioni varie, che poi come anche tu sai è la peggiore in assoluto per essere centrata come suoni, sia a livello microfonico che con i piezo a traversina, mentre con l'acustica sono stato a rovistare non poco, sarà anche il fatto del sistema stesso incorporato, che di certo è economico nel caso di questa chitarra veramente low-cost, comunque poi con un aggeggio della Artec, che posseggo da anni e che infatti riposava dentro ad un cassetto ovvero un equalizzatore studiato proprio per le acustiche, sono arrivato così al suono che volevo.
Così anche questa quà adesso è qui al lavoro e con turni che a confronto gli schivisti erano il nulla, infatti ho già altri brani e alcuni veramente datatissimi, dove andrà a piazzarsi ovvero riarrangiamenti vari e questo quando il tempo o per meglio dire le idee nella mia testa, di partiture d'armonizzazioni orchestrali variabili, me lo permettono, in quanto non mi dispiace affatto anche il suono dell'acustica, almeno questa, perchè non fà "le fritture miste di mare o le uova fritte", cose per me importantissime da essere totalmente assenti nel suono in uscita e quindi registrato e questo rimane il mio punto di vista sull'acustica, ma intesa come strumento solista.

Mi dimenticavo di dire che per il "coro" maestoso che da meno poteva essere, (vista l'opportunità capitatami di un vero pezzo d'antiquariato come quel Leslie '57) modulante la lettera "m/ e/ u", presente nel brano, non ho fatto altro che sequestrare quello dell'Accademia di S.Cecilia, come pure quello del Regio di Torino e non da meno quello della Scala di Milano e li ho inscatolati per bene!

Grazie ancora per il tuo intervento e Buona Musica sempre!

Dogat. :-)

Avatar utente
andyfender
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4935
Iscritto il: 18/09/2011, 9:37

Re: Un Pezzo Nuovo e un Rudere del '57....

  • Cita

Messaggioda andyfender » 04/10/2012, 6:19

Possiedi cose notevolissime. E le sai usare! Un Leslie piacerebbe anche a me!!

Avatar utente
Dogat
Team Liutai
Team Liutai
Messaggi: 182
Iscritto il: 13/11/2011, 20:03

Re: Un Pezzo Nuovo e un Rudere del '57....

  • Cita

Messaggioda Dogat » 04/10/2012, 15:14

Ciao Andy,

il tutto rimane sempre legato a quella che definivo già ai tempi della pietra "la ricerca del suono", ma non intesa come quello che deve essere di piacere altrui, quindi standrizzando il tutto e particolarmente dentro a quel giro di chitarre classiche, elettriche e acustiche, non per forza di quelle due marche solamente, ma un tempo obbligatorie in quanto il resto faceva veramrnte pena, come non da meno campionatori, sintetizzatori vari di una deteminata marca, che io non ho mai utilizzato, ma non per una questione di astio verso quel marchio, ma verso questo e qui faccio un esempio semplice con questo paragone:
"Buongiorno, vorrei del pane integrale"
la risposta che ai tempi veniva data in merito dalla maggioranza dei negozi era questa:
"Questo non è pane integrale ma è molto meglio in quanto la farina grezza non è utilizzata ma viene successivamente elaborata e porta così a dei risultati ancora migliori rispetto all'orginale..."

Un tempo in un negozio dissi proprio quanto appena citato ad un dimostratore di quella "farina elaborata", ma a quattr'occhi intendasi, era un rispettabilissimo "ingegnere del suono" validissimo conoscitore di tutto quello che si doveva sapere in merito ai campionamenti sonori, ma il mio paragone che feci all'epoca lo lasciò così ,"bello fritto sul posto" e con questo anche a lui dissi che nessuno nasce imparato, ma sottointendendo che fessi nemmeno!

Difficilissimo trovare dei Leslie in giro questo infatti è di un vecchio musicista della zona (uno dei primi affetto da patologia cronica di "hammondite acuta purulenta devastante) che con il suo gruppo all'epoca , quindi proprio fine anni '50 e anni '60, allietava le serate nei vari night della mia zona del ponente ligure e tu sai bene che per "night", all'epoca, non si intendevano i "baldraccai" che divennero attorno alla metà degli anni '70 e come permangono ancora tutt'ora, ma erano locali di ritrovo, che nulla avevano a che fare con "le balere" in quanto, queste ultime, erano di tutt'altro genere musicale legato al ballo liscio.
Era un pò impolverato o per meglio dire aveva le ragnatele sopra la tela cerata e quel classico odore e parlo ad apparato spento, di "elettrico antico", che pure tu conoscerai molto bene, ma la paura era che al momento dell'accensione, previa pulitura, quindi controllo circuitazione e tutte le accortezze del caso, prendesse fuoco o si spaccasse il motore rotante, anche se pure lì ho eseguito prima l'oliatura, con olio a spray per fucili da caccia(tre bombolette) eseguendo così rotazioni manuali lente, il primo giorno, per ingrassare poi il tutto il terzo giorno, quindi riposo per tre giorni e quindi messa in moto della "motozappa"...la cronaca di per sè la si dovrebbe arricchire del sorriso di piacere del proprietario, che come ti dicevo è stato un vecchio musicista della zona, ma nel contempo stesso il comparire, sul suo viso, di una buona dose d'emozione e questo proprio a chi gli ottanta li ha superati da un bel pezzo, cosa che, secondo la maggioranza di quello che si definisce "il pensare comune", non dovrebbe di certo accadere, ma come sempre ho detto ci sono musicisti e musicisti, come pure persone e persone che determinano la stessa varietà della gente e quindi della musica stessa, naturalmente il primo giudizio che mi sono beccato in questo arrangimento e quindi con l'impiego dell'Hammond, ma con il suo leslie del '57 è stato il suo, che mi ha detto: "Sono ritornato indietro di cinquant'anni...che spettacolo, proprio all'antica, all'antica come una volta!".

Un saluto da parte mia,

Dogat. :-)

Avatar utente
andyfender
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4935
Iscritto il: 18/09/2011, 9:37

Re: Un Pezzo Nuovo e un Rudere del '57....

  • Cita

Messaggioda andyfender » 04/10/2012, 16:32

Queste sono le gioie del collezionbismo: ritrovare e riconoscere un vecchio capolavoro e farlo rinascere.

Secondo me è una gioia che ognuno dovrebbe provare almeno una volta nella vita.
Conosco quell'odore di cui tu parli,fa ricordare ogni volta che lo si annusa che si ha fatto una cosa buona,anzi ottima per noi ma anche ,senza esagerare,per la Storia della Musica.

Bravo Dogat,non è facile resistere alla tentazione di "attaccare subito" ,ma bene hai fatto ad avere la pazienza per una manutenzione essenziale per la vita di questo gioiello!!! Ciao. A

  • Spazio pubblicitario

Commenta con Facebook

Torna a “Vintage e Collezionismo”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite